fbpx

I 13 parchi e giardini a Berlino che devi visitare

Tiergarten - parchi e giardini a Berlino

I 13 parchi e giardini a Berlino che devi visitare

I giardini e i parchi più famosi e interessanti di Berlino, ma non solo. Consigli su come muoversi con i trasporti pubblici e cosa mangiare

V

Visitare Berlino a gennaio è stata un’esperienza particolare e indimenticabile. La prima volta che visitai questa capitale europea era nel lontano 2006, a fine marzo. La prima impressione che ho avuto ritornando in questa città è stata la scarsa cura delle zone pubbliche paragonata a quattordici anni fa (forse maggiori rispetto a Milano), molta sporcizia e muri imbrattati, cose confermate da chi ci abita. In compenso, le persone sono molto gentili e ben predisposte ad aiutarti, parlano bene l’inglese e sono molto pazienti.

Alcune cose strane di questa città

Ho passato ben otto giorni girando tra parchi e giardini e devo dire che ci sono diverse cose particolari rispetto alle nostre città. Un esempio lampante sono le strisce pedonali che praticamente non esistono o sono segnate con dei tratti ai lati. Caratteristici sono i semafori pedonali a forma di persona con il cappello; esiste addirittura una catena di negozi dove vendono ogni tipo di prodotto con queste raffigurazioni.

I veri padroni delle strade però non sono i pedoni o le macchine, ma i ciclisti: ci sono piste ciclabili (ovviamente per senso di marcia) nelle strade principali della città, colorate di rosso-bordeaux e di verde, a cui bisogna stare molto attenti, con il rischio di essere investiti (e non sto scherzando perché i ciclisti berlinesi sono piuttosto spericolati). Un’altra cosa che caratterizza questa città sono i murales, dal forte impatto visivo, che possono occupare intere facciate di palazzi.

Parchi e giardini a Berlino

Il meteo non è stato molto clemente: in otto giorni avrò visto il sole forse per una giornata, inoltre, acqua e vento gelido non mi hanno aiutato a fare foto e video, anzi, in quei momenti è stato impossibile. Sicuramente un bel viaggio, ma non penso di ritornare a Berlino durante l’inverno.

Ma allora perché sono andato proprio in questo periodo? Per farti vedere che un giardino può essere bello anche durante la stagione fredda. C’è qualche fioritura, ma il bello deriva molto dal secco delle piante (che sono state scelte appositamente anche per questo aspetto), crea texture e giochi di luce che non si possono avere nelle altre stagioni. Sono molto interessanti i toni dei rami, le cortecce degli alberi e le bacche di alcuni arbusti. Insomma, il giardino può essere bello anche con poche fioriture.

Gärten der Welt – I Giardini del Mondo, il Giardino Cinese

Gärten der Welt – I Giardini del Mondo, il Giardino Cinese

01. Gärten der Welt – I Giardini del Mondo

Un parco enorme di 43 ettari a nord-est di Berlino, a Marzahn. Al suo interno si trovano 11 giardini tematici e 9 internazionali. Pensavo fosse un’attrazione kitsch per portare turisti, però mi sono dovuto ricredere. È presente una funivia che sorvola l’area e offre ai visitatori una vista unica sullo skyline della capitale.

Botanischer Garten e Botanisches Museum

Botanischer Garten e Botanisches Museum

02. Botanischer Garten e Botanisches Museum

Il giardino botanico è stato realizzato tra il 1897 e il 1910 e, con le oltre 22.000 specie di piante, è uno dei più importanti giardini botanici a livello mondiale. Durante la stagione fredda, all’ingresso consegnano la mappa del parco con l’itinerario invernale più interessante da seguire.

Parco e Palazzo di Sanssouci

Parco e Palazzo di Sanssouci

03. Parco di Sanssouci

A Potsdam si trova un incredibile parco di 290 ettari. Al suo interno si trovano edifici come il Castello Sanssouci, la casa cinese, il tempio dell’amicizia, il castello dell’Orangerie, il Neues Palais, il Castello Charlottenhof e altro ancora.

Karl Foerster Garden

Karl Foerster Garden

04. Karl Foerster Garden

Una tappa fondamentale per gli amanti di giardini. Karl Foerster è considerato un pioniere per quanto riguarda le piante perenni in Germania. Nel 1912 trasformò un terreno agricolo di 5mila metri quadrati nel famoso giardino.

Maximilianpark in Hamm

Maximilianpark in Hamm

05. Maximilianpark

Si trova nella città di Hamm, a 460 km di distanza da Berlino. Maximilianpark segna una nuova era nella riqualificazione di vecchie aree industriali. Al suo interno si trovano l’elefante di vetro, aree giochi per bambini, un’enorme casa delle farfalle, oltre a mostre e festival. Il motivo per cui ho visitato questo parco è il giardino progettato da Piet Oudolf.

Natur Park Schöneberger Südgelände

Natur Park Schöneberger Südgelände

06. Natur Park Schöneberger Südgelände

Uno dei parchi più interessanti di Berlino, dove la natura si è riappropriata di una zona che una volta era una stazione di smistamento a Tempelhof. Sono stati fatti pochi interventi per rendere accessibile il parco, ad esempio, alcuni binari sono stati trasformati in sentieri. Sono presenti ancora edifici e costruzioni dell’epoca della ferrovia.

Tiergarten

Tiergarten

07. Tiergarten

É il polmone verde di questa metropoli, come Central Park a New York e l’Hyde Park a Londra. 210 ettari di parco ideale per passeggiare, fare picnic e rilassarsi. Situato accanto alla Porta di Brandeburgo, al suo interno vi sono lo zoo e l’acquario di Berlino, il giardino inglese e quello delle rose e altro ancora.

Tempelhofer Feld

Tempelhofer Feld

08. Tempelhofer Feld

L’ex-aeroporto di Tempelhof prende nuova vita come parco. Oltre 300 ettari di spazio verde per pattinare, passeggiare, fare giardinaggio e picnic. Si avverte una particolare sensazione quando si cammina tra le piste di atterraggio senza aeroplani.

Spreepark

Spreepark

09. Spreepark

Berlino è ricca di aree insolite e questo parco è ideale per chi ama questo genere di cose. Infatti, si è sviluppato una sorta di turismo dei luoghi “fantasma”. Lo Spreepark, il parco dei divertimenti della DDR, andò in disuso dopo la riunificazione tedesca. Il nome in origine era Kulturpark Plänterwald.

Volkspark Friedrichshain

Volkspark Friedrichshain

10. Volkspark Friedrichshain

È il più antico parco pubblico della città di Berlino e con i suoi 52 ettari è il terzo per dimensioni. Al suo interno si trova la Märchenbrunnen, un’opera monumentale con statue che la decorano e che le danno il nome di “fontana delle fiabe”.

Leise Park

Leise Park

11. Leise Park

Uno dei parchi più particolari e insoliti che io abbia mai visto. Dopo un aeroporto, una stazione di smistamento, ecco che un ex cimitero diventa un parco. Sono presenti ancora le tombe e conferiscono a questo luogo un’atmosfera speciale. Non è strano vedere molti bambini che giocano liberamente e che vengono a parlarti.

Park am Wasserturm

Park am Wasserturm

12. Park am Wasserturm

Un parco di oltre 19mila metri quadrati con una bellissima vista della città. Al suo interno, oltre un’area giochi per bambini (come ogni parco berlinese), si trova Wasserturm Prenzlauer Berg, la più antica torre dell’acqua di Berlino. Proprio all’interno della sala macchine della Wasserturm fu installato un campo di concentramento per ebrei, comunisti, socialisti ed altri cittadini poco graditi.

Teufelsberg

Teufelsberg

13. Teufelsberg

Una vecchia stazione di ascolto statunitense durante la guerra fredda. In cima a una collina fatta di macerie offre una vista spettacolare su tutta l’area. Sono possibili solo visite guidate in determinati giorni. Io, e come me altre persone, hanno trovato il cancello chiuso, quindi massima attenzione alle aperture.

Duomo di Berlino

I trasporti a Berlino e un’app molto utile

Se vuoi visitare Berlino e muoverti agevolmente ti consiglio di scaricare l’app di trasporti della città, FahrInfo (Android e Apple). È un’app estremamente semplice che ti indicherà quali mezzi utilizzare per andare dal punto in cui ti trovi (o da dove vorresti partire) al luogo in cui vuoi andare. Inoltre, si possono comprare direttamente i biglietti nell’app.

Ci sono diverse Card che uno può acquistare, anche in aeroporto, per Visitare Berlino. Io che ho girato quasi esclusivamente per luoghi green, ho comprato un biglietto settimanale, una cifra abbordabile rispetto ai mezzi di trasporto di Londra.

Attenzione però a una cosa, Berlino è divisa in tre zone per i trasporti pubblici: A e B è la zona centrale della città, più che sufficiente per visitarla, C è la zona che comprende l’aeroporto di Berlino-Schönefeld, Potsdam e il campo di concentramento di Sachsenhausen. La cosa singolare è che non ci sono tornelli all’ingresso delle stazioni, tuttavia, non mancano i controlli.

A Marheineke Markthalle ci sono molti ristoranti, io ho provato lo spagnolo

A Marheineke Markthalle ci sono molti ristoranti, io ho provato lo spagnolo

Curiosità sulla cucina e il modo di mangiare berlinese

Berlino conta quasi quattro milioni di persone, non solo tedeschi, ma anche provenienti da tutto il mondo. Infatti, si possono trovare ristoranti provenienti da tutto il mondo. Il primo giorno sono stato al Marheineke Markthalle, un edificio dove al suo interno ci sono diversi negozi e una buona parte sono ristoranti che propongono pietanze di tutto il mondo, compreso lo spagnolo che ho provato e che consiglio.

Ho provato la cucina thailandese, turca, il ramen giapponese e il kebab (completamente diverso da quello italiano). Non credo di aver mai mangiato cucine così diverse in così poco tempo. Visto che a mia disposizione avevo poche ore di luce per scattare foto (dalle 9.30 alle 16 circa), spesso mi ritrovavo a pranzare dopo le quattro di pomeriggio. Infatti, una cosa inusuale è che i ristoranti sono aperti da mezzogiorno alla sera in maniera continuata e ho sempre trovato persone che mangiavano di pomeriggio.

Al mattino invece se fai colazione al bar o cafeteria quasi sicuramente ti verrà chiesto se vuoi la colazione d’asporto (a volte non ci sono neanche i tavolini proprio perché le persone fanno colazione tranquillamente sui mezzi) e, più in generale in ogni negozio, ti chiederanno se vuoi o meno lo scontrino.

Un piccolo suggerimento che ti posso dare è di comprare l’acqua al supermercato (o meglio usare la borraccia) da portare con te perché a Berlino costa davvero molto, anche al McDonald’s.

Questi articoli potrebbero interessarti

Lascia un commento

Start typing and press Enter to search

Miscanthus Giardino Inverno Green FFinkQuando sta per arrivare l’estate, una delle cose a cui penso sono sicuramente le serate con gli amici