fbpx

Phlox paniculata ‘Cool Water’: erbacea dalla fioritura estiva esuberante

Phlox paniculata 'Cool Water'

Phlox paniculata ‘Cool Water’: erbacea dalla fioritura estiva esuberante

Erbacea coltivata in posizioni soleggiata e poco utilizzata nei nostri giardini. Pochi accorgimenti per una fioritura estiva generosa, tra il bianco e il rosa

L

e Phlox paniculata vengono spesso considerate piante difficili e, purtroppo, sono poco utilizzate nei nostri giardini. In realtà gran parte della loro cattiva reputazione nasce dalla scarsa conoscenza della pianta e da errori di coltivazione.

Riscoprirle vuol dire portare nei nostri giardini piante generose e forti, capaci di dare grandi soddisfazioni, purché si rispettino le loro esigenze, come per tutte le piante.

Come coltivare le Phlox paniculata

Le Phlox paniculata si coltivano in posizioni soleggiate, raggiunte da almeno 4 o 5 ore di sole diretto, in terreno fertile, drenato, non arido. Possono incorrere in malattie fogliari come l’oidio se soffrono la mancanza di acqua, se crescono in terreni poveri o troppo pesanti che causano sofferenza radicale e indebolimento fogliare. È quindi fondamentale fornire un buon substrato al momento dell’impianto per ottenere ottimi risultati.

Phlox paniculata 'Cool Water'

Le caratteristiche della ‘Cool Water’

Phlox paniculata ‘Cool Water’ è una varietà del 2013 dell’ibridatore Verschoor. Ha un ottimo portamento, con steli alti fino a 100 cm che portano infiorescenze a panicolo, formate da una gran quantità di fiori di piccole dimensioni che nascono bianchi e maturano screziandosi in modo irregolare di rosa.

La fioritura comincia da inizio giugno e prosegue per tutta l’estate. I fiori si schiudono senza sosta sui panicoli, fino a quanto tutti i boccioli si saranno aperti.

A fine estate, recideremo i panicoli secchi per ripulirli dai fiori sfioriti. È la pianta stessa a indicare se e quando tagliare, perché produce nuovi getti laterali poco sotto al panicolo sfiorito. Saranno questi steli che porteranno a breve gli ultimi fiori in autunno, quindi, un taglio troppo precoce durante l’estate ridurrebbe l’altezza della pianta e la sua rifiorenza.

Accostamenti e particolarità delle Phlox paniculata

Secondo me sono piante perfette per un giardino in stile cottage, ma non solo. Il vantaggio nell’avere le Phlox paniculata è che si accostano molto bene a moltissime piante. Sono perenni utilizzate da molti garden designer internazionali e si abbinano molto bene ad alcune graminacee come il Miscanthus sinensis e Calamagrostis.

Inoltre si sposano magnificamente con piante dalla fioritura primaverile o erbacee come Echinops, Verbascum e Phormium, Monarda, Salvia nemorosa e x sylvestris, Lythrum, Persicaria amplexicaulis, Veronicastrum e il tardivo Aster.

Tutte le cultivars delle Phlox paniculata hanno fiori commestibili, ottimi su gelato, insalate, macedonie e torte. Ogni varietà ha fiori più o meno dolci, più o meno profumati, ciascuna con un sapore specifico.

Il vivaio

Il vivaio

www.igiardinidellindaco.it

info@igiardinidellindaco.it

Via Ca’ del Zappa, 26043 Persico, Cremona

Un po’ di latino

L’epiteto generico deriva dal greco φλόξ, (flóx, fiamma) e si trova usato in Plinio per indicare una pianta, probabilmente una Silene, dalla fioritura appariscente, come una fiamma. Linneo lo utilizzò per battezzare quella che oggi conosciamo come Phlox, per rimarcare la bellezza e la forma delle infiorescenze, sia nell’epiteto generico, che in quello specifico (da panicula, termine latino per pannocchia).

Amate e usate abbondantemente fino alla metà de secolo scorso sono poi passate di moda, considerate fiori dei tempi passati e relegate ai giardini delle signore più âgées, vere conoscitrici del giardino.

La mia valutazione

Fioritura
Bellezza durante l'anno
Necessità d'acqua
Manutenzione

Questi articoli potrebbero interessarti

Lascia un commento

Start typing and press Enter to search

Miscanthus Giardino Inverno Green FFink